Equitalia

Sommario


Area riservata

Per un Paese più giusto

Contenuto

Aventi diritto alla restituzione di risorse dissequestrate

 
 

Se l’Autorità Giudiziaria dispone la restituzione di risorse finanziarie (denaro contante, conti correnti, depositi a risparmio, titoli, gestioni patrimoniali, ecc.) intestate Fondo Unico Giustizia (FUG), l’ufficio giudiziario notifica all’avente diritto il provvedimento di dissequestro e informa Equitalia Giustizia S.p.A.
Equitalia Giustizia S.p.A., dopo aver ricevuto l’informazione dall’ufficio giudiziario, ordina all’operatore finanziario (banca, Poste Italiane S.p.A., società di gestione del risparmio, ecc.) di procedere alla restituzione.

A questo punto l’avente diritto:

  • se era stato sequestrato denaro contante, deve presentarsi allo sportello bancario o all’ufficio postale presso il quale è acceso il conto corrente o il deposito a risparmio aperto all’atto del sequestro e portare con sé:
  1. il provvedimento ricevuto dall’ufficio giudiziario;
  2. un documento di riconoscimento;
  3. la tessera sanitaria ovvero il tesserino del codice fiscale;
  • se era stato sequestrato un conto corrente o un deposito a risparmio già acceso a suo nome prima del sequestro
    ovvero
  • se erano stati sequestrati titoli, gestioni patrimoniali o altre risorse finanziarie, deve accertarsi che l’operatore finanziario (banca, Poste Italiane, società di gestione del risparmio, ecc.) esegua l’ordine di restituzione ricevuto da Equitalia Giustizia S.p.A., eliminando il vincolo a favore del Fondo Unico Giustizia e facendo tornare la risorsa nella disponibilità dello stesso avente diritto.

Se intende avere informazioni sullo stato della pratica di dissequestro, l’avente diritto, una volta ricevuta la notifica del provvedimento dell’ufficio giudiziario, può contattare Equitalia Giustizia S.p.A. con una delle seguenti modalità:

  • via e-mail, all’indirizzo fondounicogiustizia@equitaliagiustizia.it (per inviare una mail andare all’area Contatti) ovvero, da un indirizzo PEC, all'indirizzo fondounicogiustizia@pcert.equitaliagiustizia.it;
  • via fax, al n. 06/50526176;
  • telefonicamente, al n. 06/95949500 (orario: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 13.00; martedì e giovedì dalle 08.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 16.00).

Analoghe indicazioni valgono per le restituzioni derivanti da provvedimenti giudiziari di revoca della confisca, anzichè di dissequestro, di risorse intestate Fondo Unico Giustizia.

I soggetti che, a seguito di quanto disposto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, hanno diritto alla restituzione di somme sequestrate nell’ambito di procedimenti di irrogazione di sanzioni amministrative per violazioni in materia valutaria devono presentare a Equitalia Giustizia un’istanza di restituzione conforme al modello disponibile nella sezione Fondo Unico Giustizia / Protocollo d’Intesa con il MEF / Modello richiesta di restituzione.

Restituzione di risorse assicurative
Se l’Autorità Giudiziaria dispone il dissequestro di un contratto assicurativo, l’operatore assicurativo trasmette il provvedimento giudiziario a Equitalia Giustizia.
Equitalia Giustizia, a sua volta, restituisce allo stesso operatore assicurativo le somme che quest’ultimo aveva eventualmente versato al Fondo Unico Giustizia, in esecuzione del contratto sequestrato, durante il periodo di sequestro. Successivamente, è l’operatore assicurativo a provvedere al pagamento di tali somme a favore dell’avente diritto.
Nello stesso modo si procede in caso di revoca della confisca, anzichè di dissequestro, di risorse assicurative.